Piattaforme immobiliari: quali elementi prendere in considerazione?

Tempo di lettura: 3 min.

Il crowdfunding è diventato così popolare che il volume totale degli investimenti in tutto il mondo è incrementato a 34 miliardi di dollari nel 2015. Ad oggi, Crowdestate ha contribuito a raccogliere oltre 50,4 milioni di euro. In considerazione della crescente domanda di progetti sono state regolarmente sviluppate nuove piattaforme di crowdfunding e un investitore potrebbe incontrare delle difficoltà nel trovare le piattaforme più adeguate al proprio profilo. In questo blog presentiamo una breve panoramica delle differenze tra le diverse piattaforme di crowdfunding e gli aspetti che un investitore dovrebbe considerare prima di investire.

Le tipologie di piattaforme di crowdfunding

In linea generale, esistono due tipi di piattaforme: a scopo benefico e per investimento. Sarebbe tuttavia più preciso differenziarle in funzione del loro obiettivo:

  • Numerose piattaforme propongono progetti che offrono una “ricompensa” per l’investimento, vale a dire un prodotto in via di sviluppo che puoi ricevere prima che arrivi sul mercato. La piattaforma più famosa di questa categoria è Kickstarter.
  • L’equity crowdfunding è l’impegno collettivo di diversi individui che sostengono progetti avviati da altre persone od organizzazioni, apportando finanziamenti al capitale proprio. Gli investitori partecipano allo sviluppo della società e ai potenziali utili futuri. Tuttavia, la durata dell’investimento e il rendimento possono essere piuttosto imprevedibili. Crowdcube e Seedrs sono piattaforme che agevolano l’equity crowdfunding.
  • Il crowdfunding basato sul debito (noto anche come “peer to peer”, “P2P”, ” marketplace lending” o “crowdlending“) permette agli investitori di investire in prestiti a breve o a lungo termine, nei confronti di privati o imprese. In questo caso, è importante sottolineare che un investitore dovrebbe sapere su chi e in cosa sta investendo e valutare il livello di rischio potenziale dell’investimento. I prestiti tra privati vengono offerti da Zopa o Lending club mentre le società possono raccogliere finanziamenti tramite piattaforme di crowdfunding quali Investly o Crowdestate.
  • Persone ben intenzionate possono donare denaro attraverso una piattaforma a scopo benefico. Esistono numerose piattaforme di questo tipo ed è possibile donare per coprire la spesa sanitaria, le spese legali o l’istruzione. Ma vi sono anche molti esempi divertenti come il progetto in cui una persona ha richiesto donazioni per preparare un’insalata di patate.

Scopri Lending Times, un portale informativo che pubblica notizie sul crowdfunding e sui suoi volumi mensili.

Cosa bisogna prendere in considerazione quando si sceglie una piattaforma di crowdfunding?

Con un numero così elevato di piattaforme differenti e la crescente digitalizzazione globale, chiunque da qualunque luogo può investire tramite una piattaforma di crowdfunding. A questo punto sorge una domanda: come fare per selezionare le piattaforme tramite cui investire senza temere di perdere i propri soldi? Di seguito trovi alcuni suggerimenti sugli aspetti da tenere in considerazione prima di investire su qualsiasi piattaforma:

  • Un controllo approfondito degli antefatti: verifica da quanto tempo la piattaforma è attiva, che tipo di informazioni ti vengono richieste e che tipo di dati pubblicano sui loro progetti. Studia attentamente i prospetti informativi riguardo all’opportunità di investimento e controlla chi c’è dietro alla piattaforma. Anche il rapporto tra i progetti totali e i progetti completati può contribuire a stabilire la credibilità della piattaforma.
  • Che tipo di Background checks svolge la piattaforma di crowdfunding e qual è il grado di responsabilità assunto nel caso in cui qualcosa non vada per il verso giusto?
  • Studia il mercato: quali sono le performance di altre piattaforme che operano sullo stesso mercato?
  • Valuta l’equilibrio tra rischi e rendimenti. I progetti con un livello di rischio alto dovrebbero offrire tassi d’interesse più elevati, mentre i progetti garantiti potrebbero offrire un tasso di interesse inferiore.
  • Valuta il modello finanziario: il piano aziendale e i calcoli finanziari sembrano realistici?
  • Chi è lo sponsor del progetto: Su chi stai investendo il tuo denaro? Quali sono le sue esperienze e la sua storia pregressa?
  • La piattaforma è disciplinata ai sensi di legge? In caso affermativo, su quali basi? In alcuni paesi, il crowdfunding è sottoposto a una rigida regolamentazione mentre in altri non vi sono ancora leggi in materia. In Estonia, alcuni servizi di crowdfunding sono regolamentati per legge (prestiti a privati) mentre gran parte delle piattaforme opera in un contesto deregolamentato. Le principali piattaforme in Estonia hanno aderito al Codice di condotta in materia di crowdfunding nel 2016, che è una sorta di marchio di fiducia che assicura agli investitori il soddisfacimento di determinate condizioni per garantire l’affidabilità di tali piattaforme.

Moderazione e diversificazione sono le parole chiave che ogni investitore dovrebbe annoverare nel suo vocabolario

È comprensibile che quando un progetto offre un rendimento molto alto, tu veda banconote di euro ovunque, tanto da offuscarti la mente. Per questo motivo è molto importante non investire mai solo in funzione delle proprie emozioni. Per creare un portafoglio di investimento di alta qualità, diversifica il tuo portafoglio selezionando progetti con concentrazioni, rendimenti e durate di investimento diversi. Analizza sempre accuratamente ogni progetto con la massima attenzione prima di investire.

Puoi entrare a far parte di Crowdestate QUI e iniziare il tuo viaggio nel crowdfunding.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *